Home / Tutte / Marketing/vendite / Dalla “splendida cornice” all'”oasi di pace”: le 10 frasi fatte che rovinano la comunicazione dell’hotel

Dalla “splendida cornice” all'”oasi di pace”: le 10 frasi fatte che rovinano la comunicazione dell’hotel

blog-turismo-web-marketing-social-media-teamwork-revenue-consulenza-formazione-alberghiera-hotel-ristorante-copy

Da quanto tempo non aggiornate i testi che descrivono il vostro hotel? Che si tratti del copy del sito web, delle didascalie sui portali o sulle brochure, ricordatevi che le parole sono importanti. E proprio sulle parole, abbiamo voluto effettuare una piccola ricerca e abbiamo fatto una classifica delle espressioni più abusate nei siti internet degli hotel. Non ci credete? Provate a cercarle su Google accanto alla parola “hotel” e…vi si aprirà un mondo!

Niente panico. Nessuna delle espressioni che andremo a prendere in analisi, di per sè, farà scappare i vostri ospiti dall’hotel o farà calare le vostre vendite. Faranno però perdere appeal alla struttura, banalizzandone la storia, i valori e la proposta. Si tratta infatti di espressioni talmente abusate e generiche, da potersi definire frasi fatte. E le frasi fatte, in un testo, generano spersonalizzazione, tolgono valore alla comunicazione e, qualche volta, fanno anche involontariamente sorridere.
Ecco la nostra top ten:

blog-turismo-web-marketing-social-media-teamwork-revenue-consulenza-formazione-alberghiera-hotel-ristorante

Regina delle frasi fatte, e non solo in campo turistico, la splendida cornice – locuzione ormai utilizzata anche per definire lo scorcio sulle ex acciaierie di Terni – dovrebbe essere dichiarata illegale. Ogni volta che qualcuno la utilizza, un copy, da qualche parte nel mondo, muore.

blog-turismo-web-marketing-social-media-teamwork-revenue-consulenza-formazione-alberghiera-hotel-ristorante

A casa ho i bambini che urlano, la suocera che pontifica, il divano sfondato e una montagna di panni da stirare. Perchè mai dovrei pagare un hotel per sentirmi a casa??

blog-turismo-web-marketing-social-media-teamwork-revenue-consulenza-formazione-alberghiera-hotel-ristorante

Siamo stati capaci di andare sulla Luna, abbiamo diviso l’atomo, ma non siamo ancora riusciti a trovare un’alternativa all’odioso a due passi da (mare, monti, collina, centro storico, aeroporto, lago e museo. Spesso, a due passi da tutto). Che poi, questi passi sono davvero due?

blog-turismo-web-marketing-social-media-teamwork-revenue-consulenza-formazione-alberghiera-hotel-ristorante

Che sia la Pensione Mariuccia, l’hotel a 5 stelle di Portofino, il Ristorante Lo Zozzone o il Bar Mario, un appellativo di location esclusiva (in alternativa, splendida. Per i più fortunati, splendida ed esclusiva insieme) non si nega a nessuno.

blog-turismo-web-marketing-social-media-teamwork-revenue-consulenza-formazione-alberghiera-hotel-ristorante

Siamo sicuri che l’hotel sia dotato di tutti – ma proprio tutti – i comfort? Anche di una micro-culla termica per il mio macaco nano? Non sarebbe meglio trovare un termine che non sia stato tanto svuotato di significato? La situazione si aggrava, poi, se lo pronunciate alla francese.

blog-turismo-web-marketing-social-media-teamwork-revenue-consulenza-formazione-alberghiera-hotel-ristorante

Altra espressione violentata e svuotata di significato (a pari merito con l’immarcescibile leader del settore): il nostro obbiettivo è la soddisfazione del cliente. Ah sì? C’è davvero bisogno di specificarlo?

blog-turismo-web-marketing-social-media-teamwork-revenue-consulenza-formazione-alberghiera-hotel-ristorante

A dar retta alle descrizioni degli hotel, tutta la penisola dovrebbe essere costellata di oasi di pace. Citiamo la definizione dal dizionario Garzanti: luogo o ambiente che presenta caratteristiche migliori, più gradevoli rispetto a quelli che lo circondano o gli si possono paragonare. Che sia il caso di ridimensionarsi?

blog-turismo-web-marketing-social-media-teamwork-revenue-consulenza-formazione-alberghiera-hotel-ristorante

Ecco un’espressione che, a forza di essere utilizzata, ha perduto completamente il suo valore. Tutti gli hotel sono situati nel cuore di…qualche luogo. Fosse anche la zona industriale di Concorezzo. La parola cuore, però, ha un forte richiamo emozionale che dovrebbe essere utilizzato soltanto quando ne vale effettivamente la pena (un centro storico particolarmente bello, un luogo a stretto contatto con la natura ecc…), altrimenti meglio lanciarsi su sinonimi più adeguati.

blog-turismo-web-marketing-social-media-teamwork-revenue-consulenza-formazione-alberghiera-hotel-ristorante

Coniugare divertimento e relax è ufficialmente il mostro bicefalo del copywriting alberghiero. Decidiamoci: o ci si diverte, o ci si rilassa. Esistono ovviamente tante strutture con spazi dedicati sia al divertimento che al relax, ma è molto importante non cadere nella trappola di voler accontentare tutti, per poi non accontentare nessuno. E questa frase non è un buon inizio.
[a seguire, crisi isterica del copy, alla lettura del verbo coniugare]

blog-turismo-web-marketing-social-media-teamwork-revenue-consulenza-formazione-alberghiera-hotel-ristorante

Moderno rispetto a cosa? E funzionale per chi? Esistono alberghi con vocazioni disfunzionali? Sono soltanto aggettivi anonimi, impersonali, banali e che non caratterizzano in alcun modo la struttura. Più adatti, forse, a una componente industriale che a un’esperienza turistica.

Quante di queste espressioni sono presenti nella descrizione del vostro hotel? E quante volte, anche ai copy più bravi, è capitato di scriverle? L’importante è non perseverare! Ecco alcuni (ma solo alcuni) consigli utili per un efficace copy dell’hotel:

  • Siate emozionali
    Sì, i testi devono esprimere, anche con la loro musicalità, la filosofia dell’hotel. Le immagini stanno prendendo sempre più il posto delle parole e anche nei siti web si tende a scrivere sempre meno, in favore delle fotografie. Quelle poche parole utilizzate, devono avere un forte impatto sull’utente. Per incuriosirlo, incoraggiarlo nella lettura e portarlo alla prenotazione
  • Raccontatevi
    Non abbiate paura a parlare di voi, specie se la vostra è una struttura a gestione familiare. Gli ospiti vogliono vedere le vostre facce, sapere chi siete, conoscere la vostra storia, da cui scaturisce il vostro approccio all’ospitalità
  • Non generate aspettative non attendibili
    Siate sinceri, utilizzate un linguaggio fresco e coinvolgente per dire esattamente chi siete. Se le camere sono piccole, ditelo. Se in bagno non c’è il bidet, ditelo. Se non siete poi così vicini al mare, ditelo. Non c’è niente di peggio per la vostra brand reputation di un ospite che trovi disattese le proprie aspettative. Si sentirà preso in giro. E un cattivo approccio iniziale è l’anticamera di una cattiva recensione
  • Controllate i testi
    La forma è sostanza. Errori di ortografia e refusi danno subito l’impressione di sciatteria e scarsa attenzione nei confronti dell’ospite. A volte basta una rilettura in più per evitare figuracce che possono riflettersi sull’immagine della struttura!
  • Utilizzate un tono adeguato
    Il tono è importantissimo. Dovete comunicare esattamente come fate con gli ospiti dal vivo. Il testo deve rispecchiare il vostro modo di fare ospitalità e l’atmosfera che si respira in hotel. Nessun tecnicismo, nessuna espressione standard, nessuna eccessiva formalità. I vostri testi devono parlare di voi
  • Non utilizzate frasi fatte
    Ah no, questo ce lo siamo già detto :-)

Vuoi conoscere le migliori e più aggiornate tecniche di vendita per l’hotel partecipando a un evento gratuito? CLICCA QUI!

Vuoi ricevere consigli su come comunicare al meglio la tua struttura e attrarre più clienti? SCRIVICI!

Su Martina Manescalchi

Laurea in Scienze della Comunicazione e due master in comunicazione digitale, dieci anni di esperienza nel mondo della comunicazione web, è consulente e formatrice Teamwork e docente del corso in "Web Communication" presso l'Università di Bologna.

Guarda anche qui

foto-silvia

Silvia Desideri, una donna al comando dell’AccorHotels Italia

Determinata, appassionata e sempre in viaggio. Silvia Desideri, l’attuale direttrice commerciale e marketing dell’AccorHotels Italia (divisione …

14 Commenti

  1. E’ tutto vero. C’è un solo piccolo particolare: le persone non leggono più. Una foto vale cento parole. Un video vale cento foto.

    • Martina Manescalchi

      Hai perfettamente ragione, Eros. Oggi il web richiede una fruizione dei testi più semplice e veloce e proprio per questo l’attenzione deve essere massima: abbiamo poche parole a disposizione, usiamole al meglio :)

  2. Brava Martina, ben detto!!!

  3. Proprio le frasi che fino a pochissimo tempo fa qualche esperto consigliava di mettere :-)

  4. Bellissimo articolo e bellissime foto!

  5. Articolo molto interessante in cui mi sono imbattuta casualmente in giro per il web in cerca di idee per il Ponte dell’Immacolata/Natale/Capodanno/qualsiasi scusa è buona per attirare potenziali clienti. Trovare frasi adatte per essere originali e distinguersi è diventato così difficile e prende così tanto tempo che a volte si scrivono le solite 4 frasi fatte per sfinimento!

  6. quando venite a Cagliari?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *