Home / Tutte / Management / Essere un hotel “socialmente responsabile”. Ecco 5 esempi virtuosi

Essere un hotel “socialmente responsabile”. Ecco 5 esempi virtuosi

Se molte attività alberghiere fanno uno sforzo per integrare il business d’impresa con la responsabilità sociale (intesa come attenzione concreta al prossimo), ci sono alcuni imprenditori che vanno oltre. Dai sistemi di cooperazione sociale nelle comunità locali ai progetti di sostenibilità, in grado, per esempio, di ridurre le impronte di carbonio e proteggere la fauna selvatica.

Ecco 5 alberghi “socialmente” attivi!

Good hotel in Olanda

blog-turismo-hospitality-news-teamwork-rimini-consulenza-alberghiera-hotel-marketing-revenue-web-social-formazione-corsi-ristorante
Creato da 2 giovani designers olandesi, Good Hotel è una struttura galleggiante di 148 camere. Suo fiore all’occhiello la modalità in cui assume i suoi dipendenti: contratto di lavoro a termine ai disoccupati, attraverso un programma di formazione su misura. Dopo una prima fase di formazione iniziale, i candidati ricevono una seconda lezione sul posto di lavoro, ovvero, al Good Hotel (con uno stipendio a tempo pieno). In questo modo si evita che ricevano assistenza e gli si permette di trovare presto un nuovo lavoro permanente.

Questo hotel senza scopo di lucro è stata lanciato ad Amsterdam nel 2015, per aiutare la gente del posto disoccupata: finora sono 70 i lavoratori con contratto a termine reinseriti nel mercato del lavoro. Poi, lo scorso novembre, la piattaforma galleggiante di 8 milioni di chili è stata trainata da una chiatta sommersa attraverso il mare del Nord al Royal Victoria Docks di Londra, la sua nuova casa per i prossimi cinque anni.

Tutti i profitti sono reinvestiti per sostenere ogni assunzione successiva. Dopo aver dimostrato un enorme successo, Good Hotel ha in programma di lanciare una proprietà con 30 camere boutique ad Antigua, mentre altri 8 alberghi a livello mondiale sono in programma di aprire entro il 2020.

Hotel Magdas a Vienna

blog-turismo-hospitality-news-teamwork-rimini-consulenza-alberghiera-hotel-marketing-revenue-web-social-formazione-corsi-ristorante
Mentre la crisi dei rifugiati europea mostra pochi segni di cedimento, l’Hotel Magdas a Vienna accende un faro di speranza. Inaugurato nel febbraio 2015, questo hotel boutique di 88 camere (ex casa di riposo) è interamente attivo e funzionale grazie al suo personale: tutti profughi. 
Il progetto è stato reso possibile grazie al prestito di un 1,5 milione fatto dalla Caritas e 60mila euro ricavati dal crowdfunding. Dei 28 membri del personale, 20 sono arrivati ​​nel paese come rifugiati, provenienti da 14 diverse nazioni.

Per affrontare un mercato non di certo facile, il personale è stato addestrato per offrire il massimo dei servizi e dell’ospitalità. Oltre a rendere obbligatorie lezioni di lingua tedesca e inglese, l’hotel offre anche un alloggio a tutti i giovani richiedenti asilo.

El Nido Resorts nelle Filippine

blog-turismo-hospitality-news-teamwork-rimini-consulenza-alberghiera-hotel-marketing-revenue-web-social-formazione-corsi-ristorante
Situato nell’arcipelago Palawan, l’esclusivo El Nido Resorts ha fatto sua l’idea di essere “eco-friendly” in un modo tutto originale, offrendo agli ospiti un’esperienza di lusso “senza colpa”.

Ciascuna delle sue quattro stazioni-alloggio è stata costruita utilizzando materiali locali rinnovabili, integrati nel design dell’albergo. Ad esempio, i pavimenti e gli arredi sono stati costruiti utilizzando legno riciclato da vecchie case di filippini.

Il resorts dispone anche di un sistema di captazione delle acque piovane e di un impianto di dissalazione, mentre l’acqua dei wc a basso filo viene utilizzata per la fornitura di idranti e piante acquatiche. Non mancano i pannelli solari, utilizzati per ridurre l’inquinamento e risparmiare energia. Ciliegina sulla torta, l’angolo del compostaggio per fornire del concime da usare nei giardini e nelle fattorie biologiche.

Per ridurre al minimo l’impatto ambientale, El Nido sceglie anche di non fornire barche a motore e moto d’acqua nell’ambito delle sue attività di sport acquatici. L’approccio eco-friendly continua nella cucina dell’hotel. Gli ospiti possono ordinare un menù completamente sostenibile: il 60% degli ortaggi e il 90% del bestiame sono di  provenienza locale.

Melia Zanzibar

blog-turismo-hospitality-news-teamwork-rimini-consulenza-alberghiera-hotel-marketing-revenue-web-social-formazione-corsi-ristorante
Clientela da jet-set vogliosa di godersi una vista da
sogno sul mare, con spiaggia privata. Come molti alberghi dell’isola ha aiutato a promuovere il turismo e ad aumentare l’occupazione. Ma a un prezzo. Perché l’industria turistica ha anche portato con sé danni ambientali, conflitti per lo sfruttamento delle risorse tra le comunità e gli investitori.

Tuttavia, questo resort di lusso ha voluto fare la sua parte di bene nel campo della responsabilità sociale: varie iniziative sono state avviate per aumentare le opportunità di lavoro dei giovani, per ridurre la povertà e migliorare la qualità complessiva della vita degli indigeni. Un esempio: l’hotel ha investito oltre 145mila euro per aumentare gli standard di vita nel vicino villaggio di Kairo. Insieme con la costruzione di un pozzo per fornire acqua potabile, della moschea del villaggio e di case con nuove coperture, servizi igienici e bagni.

Inoltre sono stati organizzati corsi per insegnare l’agricoltura di base. Non solo. Il personale dell’hotel ha dato vita ad attività extra scolastiche, come la creazione di una squadra di calcio.

Omni Hotels negli Stati Uniti

blog-turismo-hospitality-news-teamwork-rimini-consulenza-alberghiera-hotel-marketing-revenue-web-social-formazione-corsi-ristorante
Se la prenotazione immediata sfama una famiglia povera di quattro persone
. Questo l’incentivo usato dall’Omni Hotels negli Stati Uniti per attirare i suoi ospiti.
Lanciato nel mese di giugno 2016, la campagna Say Goodnight fa una donazione a Feeding America per ogni prenotazione diretta che riceve. Finora sono stati donati più di 3,9 milioni di pasti. Come parte dell’iniziativa, 3.600 degli associati di Omni hanno anche fatto volontariato presso banche alimentari locali.

Su Marzia Caserio

Guarda anche qui

blog-turismo-hospitality-news-teamwork-rimini-consulenza-alberghiera-hotel-marketing-revenue-web-social-formazione-corsi-ristorante

Il Boutique Hotel compie 40 anni!

Istintivamente ciascuno di noi saprebbe dare una definizione di Boutique Hotel. In realtà – tranquilli …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *