Home / Tutte / News/trends / Albergatori e smartphone: 5 cose da sapere “assolutamente” per migliorare il proprio lavoro

Albergatori e smartphone: 5 cose da sapere “assolutamente” per migliorare il proprio lavoro

facebook-blog-turismo-hospitality-news-teamwork-rimini-consulenza-alberghiera-hotel-marketing-revenue-web-social-formazione-corsi-ristorante

Viviamo tutti in un mondo “mobile-centric” ed è questa la realtà con cui gli albergatori devono cimentarsi. Un gruppo di esperti, durante l’Americas Lodging Investment Summit negli Stati Uniti, ha studiato a fondo i comportamenti degli consumatori rivelando come nel tempo, le aspettative di quest’ultimi si siano sempre più alzate, alla ricerca costante di esperienze estremamente personalizzate. Così ecco stilati cinque punti che gli albergatori (e tutti gli addetti del settore) non possono proprio tralasciare.

1 Lo smartphone è onnipresente
Prima, mentre e dopo. Lo smartphone è sempre con l’ospite. “Raggiungiamo oltre un miliardo di persone al giorno”, ha detto Christine Warner, capo del settore viaggi per Facebook. “E il 20% del loro tempo viene speso attraverso i dispositivi mobili”. La vacanza stessa viene pensata, valutata e acquistata sul telefonino.

2 C’è un mare di dati disponibili da utilizzare
Warner ha notato che l’aumento dell’utilizzo degli smartphone su piattaforme come Facebook, porta a una quantità incredibile di in-formazioni che vengono raccolte. E le informazioni possono essere segmentate e utilizzate direttamente dalle imprese alberghiere. Gli albergatori potrebbero combinare i dati di proprietà della propria azienda con le informazioni a disposizione di Facebook: in questo modo potrebbero cercare le persone che corrispondono al profilo generale dei loro ospiti più fedeli e reclutarne di nuovi.

3 Utile vs invadente
Raccogliere un sacco di informazioni sui clienti può portare dati interessanti. Allo stesso modo l’ospite può avere la sensazione che sia stato invadente. Il confine è labile, dunque essere sempre chiari con i clienti, instaurando prima di tutto un rapporto di fiducia. Spiegando il perché di questa raccolta dati e quale sarà il valore aggiunto di questa operazione.

4 Il focus di ogni App
Perché state costruendo un’App? Molte aziende alberghiere hanno applicazioni mobili senza realmente sapere, fin dall’inizio, quale sarà il loro sviluppo reale. In che modo l’app gestisce le prenotazioni? Ha consentito una migliore esperienza? Quante sono le persone che la usano? Insomma, prima di tutto pensare all’utilità dell’App per convincere la gente a tornare.

5 Smartphone accorcia le distante tra ospiti e hotel
Nessuna novità. Ormai staff e ospiti si possono parlare in tempo reale grazie alle tante forme di messaggistica istantanea. In questo modo si crea un rapporto diretto, veloce e molto più amichevole. Come nel caso dell’utilizzo di Facebook.

Vuoi saperne di più sul mondo del mobile? Non puoi perderti il nostro corso Hotel a portata di smartphone che si terrà a Rimini il prossimo 4 aprile. Ti aspettiamo!

Su Marzia Caserio

Guarda anche qui

“The Llama is Inn”: arriva la versione italiana del libro di Larry Mogelonsky

Teamwork presenta l’edizione italiana di The Llama is Inn, la quarta pubblicazione di Larry Mogelonsky. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *