Home / Tutte / Marketing/vendite / Google aggiorna l’algoritmo: per l’hotel risultati sempre più local con il “Piccione”

Google aggiorna l’algoritmo: per l’hotel risultati sempre più local con il “Piccione”


blog-turismo-formazione-consulenza-alberghiera-hospitality-news-corsi-teamwork-google-pigeon-ristoranti-mobile-web-marketing-rimini-hotel-social-ristorazioneC’è fermento a Mountain View per l’aggiornamento dell’algoritmo.
Dopo “Google Penguin” e “Google Panda”, è in arrivo il piccione. “Google Pigeon” è infatti il nome fittizio inventato dal blogger Barry Shwartz di “Search Engine Land” ma che ha già fatto il giro del mondo e sta a indicare il nuovo algoritmo basato sulla ricerca locale, attualmente in fase di test negli Stati Uniti e che, pare, sarà applicato al resto del mondo a partire dalla fine del 2014. E’ possibile che fino ad allora qualcuno riscontri delle anomalie sui posizionamenti locali del proprio sito. Niente paura, sono solo lavori in corso

Stando a quanto riportato da “Search Engine Land” i risultati sulle ricerche locali saranno ancora più accurati, “legati maggiormente ai fattori di posizionamento della ricerca organica”.
Le modifiche riguarderanno maggiormente la ricerca sulle mappe di Google.
Non sappiamo ancora molto circa l’impatto che l’aggiornamento avrà a livello globale, ma dall’intervista che lo staff di Google ha rilasciato qualche giorno fa allo stesso Shwartz, sappiamo che certamente l’impatto maggiore sarà rivolto ai posizionamenti nelle ricerche locali. 

Google ha affermato che il nuovo algoritmo migliorerà anche la precisione nel calcolo delle distanze e i parametri di posizionamento, utili soprattutto per quelle strutture, come molti agriturismi, posizionati in campagna o in luoghi di non facile raggiungimento. Non si tratta quindi di un aggiornamento che penalizzerà direttamente le cattive pratiche del web marketing, come è stato per Penguin e Panda, ma di una serie di azioni volte a migliorare localizzazione e valorizzare la ricerca locale, molto utile anche in ottica mobile.

Cosa può fare una struttura ricettiva per non farsi trovare impreparata all’arrivo del Piccione?

  • Indubbiamente l’update andrà a conferire ancora maggiore importanza alle pagine Local Business di Google+.
    Se non lo avete ancora fatto, rivendicate o create la pagina della vostra attività e cominciate a inserire contenuti (di qualità, non c’è bisogno di dirlo)
  • Controllate la vostra posizione sulle mappe di Google e provvedete a segnalare qualsiasi tipo di inesattezza
  • Monitorate con maggiore frequenza il vostro posizionamento e prestate attenzione a ogni eventuale cambiamento, anche per quanto riguarda i vostri competitors
  • Assicuratevi che la vostra struttura sia inserita in tutti i portali di recensioni, da TripAdvisor a Yelp e in tutte le directory locali (portali territoriali, circuiti di promozione della vostra destinazione turistica ecc.)

 

Dal poco che è trapelato su questo aggiornamento, il consiglio più immediato è certamente quello legato alle mappe di Google e alle pagine aziendali di Google+. 

State con noi, vi terremo aggiornati appena avremo nuove notizie!

 

Vuoi farci delle domande sulle attività di web marketing per la tua struttura? Clicca qui.

 

Su Martina Manescalchi

Avatar
Esperta di comunicazione digitale, è consulente, formatrice e responsabile del settore editoriale Teamwork, autrice per la rivista "Guest" e docente del corso in "Web Communication" presso l'Università di Bologna.

Guarda anche qui

FH55: quando il rebranding passa anche dall’innovazione tecnologica

Quella del gruppo FH55 Hotels è una storia che parte da lontano. Una storia che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *