Home / Tutte / News/trends / In morte della pensione completa

In morte della pensione completa

Ci prendiamo un breve periodo di pausa estiva e salutiamo (per il momento) tutti i nostri lettori con un articolo che raccoglie alcune riflessioni e spunti di Andrea D’Angelo, consulente e formatore Teamwork, sullo stato di salute della pensione completa. Buona lettura!

***

Estate 2018: è morta la pensione completa

Ne danno il triste annuncio il figlio Bed and Breakfast e l’anziana sorella Mezza Pensione dal letto dell’ospedale causa coma irreversibile.

Caro albergatore, è arrivato il momento di fare due conti e arrendersi all’evidenza: se hai meno di 50 camere e non hai più nonne, mamme, sorelle e cugine che ti danno una mano a cucinare e servire, è arrivato il momento di cambiare modello di business.

La mia riflessione nasce da diversi indizi e se è vero che due indizi fanno un sospetto e tre una prova, molto probabilmente la riflessione è giusta.

1° indizio: LA VENDITA 

Vedo online alberghi rinomati (3-4 stelle) per la settimana di Ferragosto con minimum stay 7 giorni in pensione completa a € 78,00 per persona (totale € 156,00) con bimbi fino a 6 anni gratis.

Poi vedo anche, sempre online, alberghi con look smart and young, in bed and breakfast con colazione fino alle 12 e tanta allegria a € 198 (ma anche fino a € 300) senza minimum stay e senza bimbi gratis.

Mi informo con i proprietari e scopro che i primi sono in crisi e non raggiungono il 70% di occupazione e i secondi sono abbronzati (sì, si può anche andare al mare durante la stagione) e hanno le ultime camere da vendere.

2° indizio: I CLIENTI

Cliente medio di hotel in pensione completa: famiglia con teppisti (leggi: bambini. Ne ho tre, ne so qualcosa e li tengo lontani dagli hotel) oppure segmento evergreen. Totale fatturato extra: ZERO.

Cliente hotel BB: Coppie 30-50 anni (tenendo alto il prezzo teniamo lontani i discotecari).
Totale fatturato extra: TANTO. Se gestisci bene il bar e crei situazioni e momenti conviviali, il bar diventerà un interessante centro di ricavo e non un triste angolo raccatta-polvere.

3° indizio: LA TRANSUMANZA

  • Cliente in pensione completa
    Mi è capitato di guidare sul Lungomare tra Riccione e Rimini alle 12.15 di un giorno qualsiasi. A ogni passaggio pedonale mi fermavo per far passare i pedoni; mi tirerò dietro le infamie di molti ma mi hanno fatto un gran tenerezza. Costretti da un orario di apertura a rientrare sotto i 40° del sole di agosto in hotel, dove troveranno locali climatizzati a pala e menù scelti la sera prima.

Ho ripetuto l’esperimento alle 18.45 con la stessa identica visione.

  • Cliente in Hotel BB
    Alle 19 l’aperitivo in spiaggia per molti è il momento più bello della giornata. E mentre tutti sorseggiano uno Spritz e giocano a beach volley,  qualcuno si occupa della cena prenotando un ristorante sulla sabbia – certo più costoso, ma anche quelli sono pieni – oppure c’è chi apre un’app tipo Just Eat e ordina 2 pizze per i bimbi, 1 hamburger per il marito e del sushi per la moglie.

4° indizio: LE BUSTE PAGA

Ti rendi conto che lo Chef e il Maitre quest’anno guadagneranno più di te

5° (e per il momento ultimo) indizi: IL CONTROLLO DI GESTIONE

Caro albergatore in pensione completa, fai due conti e scoprirai che per ogni cliente che si siede al tuo ristorante perdi tanti soldi. Una volta si diceva che il tovagliolo si mangiava il lenzuolo. Se continuiamo a non considerare i costi come si dovrebbe, il tovagliolo si mangerà anche il materasso

Sembra abbastanza chiaro cosa ci stia riservando il futuro. Un futuro che è già presente.

Se vuoi saperne di più e scoprire come usare il controllo di gestione per migliorare il tuo fatturato, contattaci!

Autore: Andrea D’Angelo

Su Andrea D'Angelo

Andrea D'Angelo
Esperienze in ruoli di responsabilità e direzione presso brand internazionali. Andrea è consulente e formatore Teamwork in customer relationship management, revenue management, budget e controllo di gestione.

Guarda anche qui

“The Llama is Inn”: arriva la versione italiana del libro di Larry Mogelonsky

Teamwork presenta l’edizione italiana di The Llama is Inn, la quarta pubblicazione di Larry Mogelonsky. …

2 Commenti

  1. Avatar

    Bell’articolo, semplice da leggere e facile da capire ,ma chi deve capire ? sei di Rimini se….,be io sono di Rimini ed ho visto il non cambiamento che poco a poco deprezza la nostra bella riviera, forse e’ arrivato il momento di cambiare ,forse e’ arrivato il momento di appoggiarsi a idee nuove e lasciare quel modo di essere che ha contraddistinto la nostra storia con i fasti di un tempo.

  2. Avatar

    Ci sono degli aspetti della questione da approfondire, prima di decretare il decesso della pensione completa come trattamento in generale. Quando finirò la mia, di stagione, potrò terminare e pubblicare la mia analisi. È giusto riflettere sull’argomento, perché si è arrivati a deprezzare il lavoro e abbassare la qualità del servizio (e delle materie prime)con prezzi ridicoli che rovinano il mercato,e che lasciano credere al cliente che un determinato insieme di servizi debba avere un prezzo molto basso, ma si può giungere a conclusioni diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *