Home / Tutte / Marketing/vendite / Innovatori nel mondo dell’hotellerie (1 puntata)

Innovatori nel mondo dell’hotellerie (1 puntata)

L’industria alberghiera è disseminata di menti illuminate in grado di spingere in avanti questo concetto, integrando nuove brillanti idee e modi di pensare per offrire all’ospite un’esperienza di soggiorno migliore.
In questo spazio (a tre puntate) abbiamo pensato di raccogliere alcuni tra i principali esempi di innovatori nel mondo dell’hotellerie.

CitizenM

CitizenM ha esaminato i bisogni del viaggiatore contemporaneo per realizzare un prodotto nuovo, fresco e di qualità ad un prezzo accessibile: il risultato è che gli spazi “inutili” sono ridotti a favore di ciò che è veramente essenziale per la tipologia di cliente che si rivolge al prodotto. Il risultato è un design moderno e stilish mentre le amenities tecnologiche la fanno da padrone: un palmare touch screen permette di controllare la temperatura della camera, impostare l’illuminazione, gestire i dispositivi multimediali come TV, musica e la sveglia. L’accesso Wi-fi ed i film sono gratuiti, la percezione è di una soluzione di soggiorno lussuosa a prezzo accessibile.
Il segreto nell’offrire questa esperienza lussuosa ad un prezzo da midmarket – i prezzi variano tra 99€ a 140€ e oltre sta nei criteri costruttivi. Invece di costruire le camere come si fa di solito ossia sul posto, le camere sono precostruite altrove secondo un processo definito “industrial flexible demountable,”. Questo sistema garantisce un risparmio che oscilla tra un 40% ed un 45% di sconto se confrontato con altre strutture 4 stelle simili in ogni mercato, secondo Levie.
Dopo l’hotel accanto all’aeroporto Schipol di Amsterdam sono in costruzione due hotel a Londra e New York con altre due strutture in previsione a Parigi e Milano.

Stash Hotel Rewards

Il programma Fedeltà Stash Hotel Rewards, ideato da Jeff Low (tra gli ideatori di Expedia) premia i viaggiatori con punti per soggiorni premio presso una collezione di boutique hotel sparsi in tutta America. Dopo una veloce e gratuita registrazione, i membri guadagnano 5 punti per ogni dollaro speso per il loro soggiorno. Questo significa che una prenotazione di 179$ presso una struttura affiliata frutta 895 punti e la possibilità di soggiornare gratis presso un’altra struttura affiliata.
Il programma fedeltà Stash Hotel Rewards ha aiutato a livellare il campo di gioco con le strutture di catena dove da tempo i programmi fedeltà sono uno strumento di consolidamento della clientela al brand, coinvolgendo gli hotel membri e i viaggiatori ad un programma frequent-guest flessibile ed innovativo.
Dal suo debutto a Maggio, il programma ha preso piede coinvolgendo viaggiatori attratti dalla facilità di riscatto (senza date non disponibili). Gli albergatori, da parte loro, sono attratti dai costi iniziali contenuti e dal modello di pricing dinamico, che permette loro di gestire quanti punti sono necessari per riscattare una camera proprio come farebbero con qualsiasi altro canale.
Stash hotels conta ora su 80 hotel membri fino a questo momento.
Low, mente del progetto segnala che entro la fine dell’anno altre 100 strutture entreranno a far parte del programma e sono in trattative con altre 200. Il programma vale, al momento, per gli Stati Uniti e i punti possono essere guadagnati in 63 diverse location da New York, a Seattle, alla San Francisco Bay Area fino a Los Angeles.

21c Museum Hotels

Il 21c Museum Hotel di Louisville, Kentucky consente di vivere lo stile unico di un boutique hotel immersi nell’esperienza coinvolgente che offre l’arte contemporanea.

Il concept è stato concepito la prima volta dagli appassionati d’arte e filantropi Laura Lee Brown and Steve Wilson al fine di sostenere la ripresa e dare nuova vita al centro della città coinvolgendo il pubblico attraverso l’arte contemporanea.
Questo ha significato coinvolgere artisti locali che hanno contribuito alla realizzazione di una struttura ricettiva che inglobava un museo aperto tutti i giorni e tutte le ore e gratis per il pubblico.
“Il legame con la comunità si è consolidato moltissimo,” sottolinea Michael Bonadies, Presidente e ceo, “senza dimenticare la reputazione e il passaparola che quest’iniziativa ha generato”.
“L’arte è la vera energia,” disse durante un’intervita a Giugno. “Siamo un museum hotel. Abbiamo mostre con curatore di artisti viventi di arte contemporanea in grado di far vivere un’esperienza unica che altri hotel non offrono, non possono offrire, o semplicemente non vogliono offrire”.
I viaggiatori e appassionati d’arte hanno risposto decisamente meglio di ogni più rosea previsione: L’hotel di punta a Louisville ha potuto contare su un incremento del 150$ di revPAR nel confronto con il suo competitive set e 300 in più di revPAr se confrontato con il resto del mercato, secondo Craig Greenber, vicepresidente di 21c.
Il successo ha alimentato l’espansione. Il gruppo conta di aprire 15 nuovi alberghi nel coro dei prossimi 5 anni negli Stati Uniti.

Su teamworkstaff

Avatar
Dal 1998 scriviamo tanto e su molti argomenti legati all’ospitalità: parliamo di revenue management, controllo di gestione, pricing, ma anche gestione della propria reputazione, comunicazione scritta, selezione del personale.

Guarda anche qui

Tecnologia in hotel: tutta una questione di target

Promozione, gestione, brand reputation. Ogni attività ha i suoi strumenti, che cambiano a seconda del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *