Home / Tutte / Reputazione online / Novità da TripAdvisor: chat con i clienti e prenotazioni dirette da mobile

Novità da TripAdvisor: chat con i clienti e prenotazioni dirette da mobile

Qualcosa bolle in pentola in casa TripAdvisor, che ha in serbo due interessanti novità per gli albergatori.
Il più popolare portale di recensioni turistiche del mondo sta infatti implementando due funzioni che, sulla carta, puntano direttamente alla disintermediazione.

Si tratta dell’upgrade di TripConnect che permetterà al cliente di completare la transazione immediatamente da mobile e della possibilità, da parte degli albergatori, di comunicare direttamente con gli utenti attraverso una piattaforma di domande e risposte (Q&A).

DISINTERMEDIARE GRAZIE A TRIPADVISOR SI PUO’?
Nasce un anno fa proprio con lo scopo di favorire le prenotazioni dirette TripConnect, lo strumento che da TripAdvisor consente di accedere all’IBE (Internet Booking Engine) del sito dell’hotel. Tra luci e ombre, a oggi 65.000 strutture nel mondo usufruiscono di questo servizio che consente all’hotel di proporre il proprio sito  tra le varie OTA presenti per le prenotazioni. Il pulsante Official Site consente all’utente di accedere al booking online della struttura per effettuare la prenotazione diretta, come nell’immagine che segue.

blog-turismo-hospitality-news-consulenza-alberghiera-ristorazione.rimini-hotel-formazione-corsi-tripadvisor-disintermediazione-tripconnect

 

L’upgrade, stando a quanto rilasciato dal responsabile del progetto Lew Harasymiw alla rivista Tnooz, riguarderebbe le modalità di prenotazione da dispositivi mobili.  In questo anno – ha dichiarato Harasymiw – abbiamo osservato che i tassi di conversione da dispositivi mobili sono stati molto molto più bassi rispetto a quelli da desktop. Il problema spesso sta nel dislivello esistente tra l’esperienza su TripAdvisor e quella sui siti delle strutture, molti dei quali non sono ottimizzati per mobile

In pratica l’utente parte da TripAdvisor e si ritrova di frequente a navigare siti poco usabili o non usabili da tablet e smartphone trovandosi così costretto a interrompere il suo processo di prenotazione. Per ovviare a questa problematica TripAdvisor dal mese di Settembre metterà a disposizione delle strutture che abbiano aderito a TripConnect un modulo di prenotazione istantanea che utilizzerà l’interfaccia di TripAdvisor – sfruttando così la diffusa confidenza degli utenti con le modalità di utilizzo del portale – e consentirà di effettuare l’intera transazione all’interno di TripAdvisor stesso, senza dover accedere a un nuovo sito. Tutte le informazioni sul cliente verranno comunicate all’albergatore, che pagherà la commissione a TripAdvisor una volta che il cliente abbia effettuato il soggiorno.

I VANTAGGI PER L’HOTEL

  • Il sistema di prenotazione mobile di Tripconnect si basa su una API (interfaccia di programmazione di un’applicazione) fornita alle strutture aderenti, dalla quale saranno gli stessi albergatori a gestire la prenotazione e le informazioni dei clienti.
  •  Si tratta di un sistema “utente-centrico”, pensato proprio per chi deve effettuare la prenotazione, che avrà più facilità a portare a termine la transazione da mobile
  • Per l’albergatore non cambierà praticamente niente, e continuerà a gestire le prenotazioni come se avvenissero attraverso il booking engine proprietario, grazie alla API messa a disposizione da TripAdvisor
  • Anche i dettagli di pagamento vengono comunicati immediatamente, cosa che non sempre accade con le prenotazioni tramite OTA.

Parlare di disintermediazione è prematuro e probabilmente non corretto, dal momento che si tratta di un’attività che prevede comunque una commissione. Se da una parte sarebbe il caso di suggerire agli albergatori di ottimizzare direttamente i propri siti per dispositivi mobile è anche vero che – che piaccia o meno – TripAdvisor è in grado di fornire una notevole visibilità al sito della struttura. Per giudicare e verificare il successo (o l’insuccesso) di questa iniziativa dovremo comunque aspettare qualche mese.

A DOMANDA, RISPOSTA
L’altra feature messa a punto dal Gufo è quella della piattaforma Q&A, attualmente in fase di test negli Stati Uniti e che sarà disponibile nel profilo della struttura, insieme a foto e recensioni. Gli utenti potranno fare domande sulla struttura di cui il titolare del profilo sarà avvisato di volta in volta via mail.

blog-turismo-hospitality-day-consulenza-alberghiera-hotel-formazione-rimini-news-tripadvisor-chat

L’idea è quella di mettere gli albergatori nella condizione di rispondere a domande specifiche su dettagli che non sono presenti nella descrizione della struttura: orari della piscina, servizi aggiuntivi, possibilità di acquistare biglietti per le attrazioni locali ecc.

Non saranno però soltanto i titolari a poter rispondere, ma anche altri utenti che abbiano soggiornato nella struttura in questione, dando vita così a un vero e proprio mini forum. TripAdvisor è già dotato di un proprio forum ampiamente utilizzato per domande generali su alberghi e destinazioni e problematiche di viaggio più ampie, ma può essere difficile da navigare e certamente non è immediato trovarvi  informazioni specifiche. Anche se altri utenti potranno partecipare alla discussione,  TripAdvisor inserirà gli utenti registrati come titolari (o collaboratori) automaticamente in cima alla lista di risposte.

Regole per gli albergatori: le risposte dovranno essere precise e circostanziate, sarà vietato il copia/incolla, il link al sito dell’hotel e l’inserimento di contatti.

Una buona opportunità sicuramente per entrare direttamente in contatto con  potenziali clienti, anticipare le loro richieste e spingerli alla prenotazione diretta. Tenendo sempre conto delle buone pratiche nelle risposte alle recensioni e nella comunicazione con il cliente.

Su Martina Manescalchi

Esperta di comunicazione digitale, è consulente, formatrice e responsabile del settore editoriale Teamwork, autrice per la rivista "Guest" e docente del corso in "Web Communication" presso l'Università di Bologna.

Guarda anche qui

Selfie Corner in hotel: 4 motivi per averlo a tutti i costi

Chiamatela selfie-mania, egocentrismo all’ennesima potenza, esaltazione dell’io senza limiti, voglia di protagonismo prossima all’infinito. Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *