Home / Tutte / News/trends / Quando lo spazio è esperienza: intervista ad Alessandro Corrò

Quando lo spazio è esperienza: intervista ad Alessandro Corrò

Hotel Design Lab, il workshop itinerante dedicato alle tendenze del design nel mondo dell’ospitalità, è sostenuto da aziende sempre attente alle esigenze di aggiornamento professionale degli operatori del settore turistico alberghiero. Continuano le nostre interviste alle aziende partner dell’evento per conoscere il loro punto di vista rispetto allo scenario del design alberghiero in Italia, un concetto di riqualificazione sempre più innovativo. “Maggiore importanza alle dimensioni dei bagni, alla polifunzionalità delle aree comuni e alla tecnologia nelle camere. Questi saranno i principali trend futuri per essere all’avanguardia nel settore dell’ospitalità.” – dichiara Nicola Delvecchio, consulente Teamwork che segue numerosi progetti di riqualificazione e rebranding alberghiero.

Oggi intervistiamo Alessandro Corrò, responsabile dell’ufficio progettazione immagine di LAGO, azienda che si propone di fare del design uno strumento di trasformazione sociale, per creare ambienti che entrino in risonanza con chi li vive.

Ciao Alessandro, essendo l’azienda LAGO fortemente orientata al design, puoi dirci la tua opinione riguardo agli errori che più spesso vengono commessi nel design alberghiero in Italia?
Non esistono di per sé errori particolari nel design alberghiero, molto spesso l’errore sta nella forma mentis in cui non si considera il design stesso come portatore di valore in fase progettuale. Si tende a dare più importanza a servizi basici, tralasciando le esperienze uniche che si creerebbero attraverso un progetto in cui il design ne è un pilastro cardine.
L’esperienza deve essere quella leva capace di far suscitare determinate emozioni intense che facciano ritornare le persone in questi spazi.

Quali trend dovranno seguire secondo te gli hotel, per essere al passo con i tempi e non restare indietro?
Prestare attenzione a tutti i dettagli e alle attività che si potranno vivere all’interno di una struttura alberghiera, non solo a quelle basiche: lavorare, mangiare, incontrare, vivere gli spazi comuni. Tutti aspetti che bisogna considerare e ripensare per garantire esperienze uniche. Sarà fondamentale considerare anche i diversi target di viaggiatori: turisti e lavoratori avranno necessità e bisogni diversi. Sicuramente le strutture ricettive dovranno rimanere al passo anche per quanto riguarda tutti i nuovi canali di comunicazione digitali ed essere in grado di soddisfare e intercettare le richieste dei consumatori. Non solo “presenza” sui social network ma anche e soprattutto customer care e attività di loyalty.

La vostra realtà, come risponde alle esigenze degli albergatori italiani e con quale metodo?
Progettare uno spazio in un certo modo faciliterà anche tutto quello che succederà in quello spazio stesso. Raccontare un progetto con una storia è fondamentale, se non puoi farlo vuol dire che è un progetto sterile già in partenza e questo alla lunga si ripercuoterà nell’esperienza di chi ne fruirà. Il design deve essere propulsore di senso e di valore per l’uomo. Noi attraverso il design LAGO cerchiamo di costruire un racconto assieme al committente provando a renderlo più vero e unico possibile.

Non perderti le prossime interviste alle aziende partner di Hotel Design Lab. Scopri tutte le date del workshop e iscriviti gratuitamente.

Su Michela Manfroni

Laurea triennale in Economia dei Mercati e dei Sistemi Turistici e specializzazione tecnica superiore come Tecnico per la Promozione Turistica Specializzato in Strumenti Web e Social, è Social Media Manager in Teamwork. Reparto: back office creativo. :-)

Guarda anche qui

In morte della pensione completa

Ci prendiamo un breve periodo di pausa estiva e salutiamo (per il momento) tutti i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *