Home / Tutte / Revenue management-online distribution / Revenue Management System per hotel: come orientarsi nella scelta

Revenue Management System per hotel: come orientarsi nella scelta

blog-turismo-hospitality-news-teamwork-rimini-consulenza-alberghiera-hotel-marketing-revenue-web-social-formazione-corsi-ristorante-family

Negli ultimi tempi stiamo assistendo a un proliferare di software di Revenue Management e simili e a un un sempre maggiore interesse da parte degli albergatori. I software di Revenue Management (detti Revenue Management System, solitamente abbreviati in RMS) per hotel esistono da molti anni. Probabilmente avete sentito parlare di Optims, tra i primi in Europa a creare un RMS, azienda francese rilevata da Amadeus nel 2005. Così come avrete sentito parlare di Ideas, Duetto, EazyRMS, attualmente i leader a livello mondiale.

Certo, l’implementazione di questi sistemi in una struttura ricettiva ha un impatto piuttosto importante e senz’altro richiede la presenza di un Revenue Manager. Questo richiede costi che non tutte le strutture possono permettersi. Nel tempo sono nati altri software più semplici. Purtroppo spesso capita che il termine Revenue Management System sia usato a sproposito, generando un po’ di confusione: alcuni si limitano all’analisi dei prezzi dei competitor, altri aggiungono indicatori come la reputazione online e la possibilità di impostare delle differenze di prezzo limite rispetto ai competitor (es. il mio prezzo non deve essere mai superiore di oltre 20€ dell’hotel Peppino, ecc.). Questi sistemi sono dotati di un algoritmo di calcolo e suggerimento del prezzo di vendita, ma basato più che altro sul posizionamento online della struttura rispetto ai competitor. Ritengo siano piuttosto lontani da un Revenue Management System.

Proprio Expedia sembra muoversi su questo tipo di prodotto, con qualche aggiunta (per esempio i dati sulle richieste effettuate dai clienti sui loro portali) e ha sviluppato Rev+, che sta già testando in USA . Esistono poi altri sistemi, un po’ più evoluti, che si interfacciano al gestionale della struttura ricettiva (PMS) per prendere altre informazioni, soprattutto sul Business On The Book (cioè le prenotazioni registrate per il futuro). Aggiungono quindi altre informazioni, come l’occupazione e il Pick Up (cioè il confronto di dati tra due date diverse). In alcuni casi i dati di On The Book rilevati dal gestionale non sono però divisi per segmento o canale, in altri casi invece hanno una suddivisione limitata. In genere, nessuno di questi elabora un Forecast (cioè una previsione del venduto che presumibilmente verrà raggiunto per ogni singolo giorno del futuro). Questi sistemi effettuano delle analisi che si avvicinano maggiormente ad un Revenue Management System, ma non lo sono ancora completamente. Io li chiamo Pricing System, non per sminuirli, ma per identificarli meglio. Tra questi Pricing System ricadeva una volta Pricematch, acquistato nel 2015 da Priceline (Booking.com) e oggi integrato in Booking Suite con il nome Rate Manager, dopo alcuni sviluppi che ne hanno ampliato le funzioni.

Il Rate Manager di Booking Suite ha due caratteristiche molto interessanti. La prima deriva direttamente dalla loro leadership: integra le informazioni sulle ricerche effettuate dagli utenti sui loro siti (e siti affiliati) e quindi è in grado di rilevare le date più richieste, le tipologie più richieste, le nazionalità, ecc. La seconda è sul suggerimento tariffario, che è calcolato per tipologia di camera e per tipologia di tariffa. La pagina principale ha mantenuto l’impostazione originale, molto facile da capire e il sistema è stato arricchito con report interessanti. Senz’altro un prodotto ricco di risorse che lo mette in competizione con alcuni RMS.

Negli ultimi anni, grazie agli sviluppi tecnologici, sono nati altri sistemi che ritengo  interessanti e che rappresentano un giusto compromesso tra i sistemi leader (e purtroppo costosi) e i Pricing Sytem. Sono software che effettuano sia la parte di analisi dei dati di produzione della struttura – camere occupate, produzione, vari indici di performance, analisi per segmenti, per canali, in alcuni casi per tipologia di camera, elaborazione del forecast – sia la parte di monitoraggio del mercato – prezzi dei competitors, disponibilità, minimum stay – sia il suggerimento tariffario. Hanno un approccio analitico dei dati e solide basi statistiche, pur mantenendo una buona semplicità di uso e comprensione dei dati elaborati. Non richiedono pertanto un esperto di Revenue Management, ma senz’altro un po’ di formazione non guasta.

Alcuni nomi: Yield Planet e il nostro Hotelperformer. Questi ritengo siano a tutti gli effetti dei Revenue Management System. Infine, ci sono dei sistemi che si “limitano” all’analisi di dati diversi, ma non elaborano né un Forecast, né un prezzo suggerito. Solitamente includono dati di On The Book dal PMS, di prezzi dei competitor, di richieste rilevate sul booking engine, di meteo, per fornirti le informazioni più importanti per prendere delle decisioni, raccolte in un unico strumento e mostrate nel modo più usabile possibile. Sono dei sistemi di Data Analysis o di Business Intelligence, molto utili, ma anche in questo caso non possiamo parlare di Revenue Management System.

Il vantaggio di utilizzare uno di questi sistemi è di velocizzare e rendere migliori le analisi, al fine di poterti concentrare solo sulle informazioni elaborate per poter prendere delle decisioni consapevoli e poterti dedicare maggiormente ad altre attività utili. Quindi se vuoi valutare un Revenue Management System, chiediti che tipo di analisi e informazioni vuoi che faccia per te.

Alcuni esempi:

– Voglio vedere i dati di produzione di passato, presente e futuro?
– Li voglio dettagliati?
– In che modo (per segmento, per canale, per tipologia di camera, per giorno…)?
– Voglio i confronti con l’anno scorso?
– Voglio il Forecast?
– Voglio capire come viene elaborato il Forecast?
– Cosa mi interessa vedere dei competitor?
– Prezzo più basso o prezzo di tutte le tipologie di camera?
– Sono disponibili?
–  Voglio un focus sugli eventi nella mia area?
– Mi interessa un sistema più semplice possibile o uno più analitico?
– Quanto tempo potrò dedicare a questi sistemi?
15 minuti al giorno: scegli un Pricing System; 30-45 minuti al giorno, scegli un Revenue Management System semplice come Yield Planet o Hotelperformer o Rate Manager di Booking.com oppure un sistema di Business Intelligence.
Più di 1 ora al giorno: valuta uno dei RMS leader come Duetto o Ideas Qualsiasi sia la tipologia di sistema che sceglierai, ricordati tuttavia che questi sono dei sistemi di supporto alle decisioni (Decision Support System), cioè dei sistemi informativi che hanno il compito di fare delle analisi e fornirti le informazioni utili affinché tu possa prendere delle decisioni.

Ricorda: le macchine non devono sostituirci, devono aiutarci!

Vuoi saperne di più? Clicca QUI
…oppure CONTATTACI!

Su Emanuele Nardin

Avatar
Esperienze in ruoli di direzione e responsabile Revenue Management per alberghi individuali e brand internazionali come Holiday Inn e Accor. Sempre fortemente orientato al Revenue Management e alla Distribuzione online, svolge corsi di Pricing e Revenue Management. Dal 2011 è Direttore di Hotelperformance e socio fondatore di AIRM – Associazione Italiana Revenue Management.

Guarda anche qui

L’evoluzione della misurazione della performance alberghiera e il T(H)RM – Total (Hotel) Revenue Management come ultima frontiera

Nel panorama della misurazione della performance alberghiera indici come RevPAR e RGI sono ormai universalmente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *